LO SCENARIO

la parafarmacia in Italia oggi

Dall’11 luglio 2006 con la “Legge Bersani”, i medicinali OTC (Over the counter) e SOP (Senza Obbligo Prescrizione),  sono in vendita oltre che nelle farmacie, anche in altri esercizi commerciali.  Si tratta di parafarmacie ed erboristerie (79% dei casi) e nella media e grande distribuzione (21%).
Se inizialmente si pensava che la concorrenza da cui guardarsi doveva essere la grande distribuzione, sono stati invece gli stessi farmacisti titolari a lanciarsi istintivamente sul mercato delle parafarmacie ed in gran parte dei casi dietro una nuova apertura vi è un farmacista già titolare. Se inizialmente si pensava che la concorrenza da cui guardarsi doveva essere la grande distribuzione, sono stati invece gli stessi farmacisti titolari a lanciarsi istintivamente sul mercato delle parafarmacie ed in gran parte dei casi dietro una nuova apertura vi è un farmacista già titolare.Se ancora non è ben chiaro se le parafarmacie sapranno trovare la strada della redditività, è certo oramai che legge Bersani ha creato una breccia nel mondo della distribuzione del farmaco aprendo la via a nuovi investitori oltre ad aumentare la pressione verso la completa liberalizzazione addirittura in anticipo sullo scenario Europeo.

Lo scenario si amplia quindi e sono molti di più oggi ad investire sulla vendita del farmaco:

– investono sulla parafarmacia i dottori già titolari di erboristerie, sanitarie o ortopediche che si adeguano alle nuove opportunità;

– i farmacisti non titolari che, sempre in maggior numero ed uniti in associazioni (associazione liberi farmacisti, associazione nazionale parafarmacie italiane, ecc), fanno sentire a gran voce la loro voglia di indipendenza;

– la media e grande distribuzione con corner sempre più organizzati ed accattivanti;

– i piccoli, medi e grandi investitori con l’obbiettivo di aprire catene di parafarmacie;

– infine il farmacista titolare, sicuramente il più repentino e istintivo, forte del bagaglio di esperienze acquisito, con l’obiettivo di prevenire, investire, sistemare un famigliare, ecc.

Ad oggi si sta delineando un direzione che invita a riflettere: IL CONTENITORE SUPERA DI GRAN LUNGA IL CONTENUTO, il punto vendita potrà rimanere competitivo solo se saprà rinnovarsi strategicamente divenendo più importante dei prodotti che vende.Chiariamo da subito che i prodotti saranno sempre più facili da reperire e nella maggior parte gli stessi nelle diverse distribuzioni. Chicco, elettromedicali o aspirina sono e saranno reperibili al supermarket, all’autogrill, nella parafarmacia oltre che nella farmacia mentre è già realtà la distribuzione su internet.

Nell’era della rivoluzione informatica dove sempre più prodotti vengono venduti ma soprattutto acquistati comodamente dalla propria casa con il proprio computer conterà sempre di meno il prodotto ma il fattore emozionale legato al suo acquisto.

Quindi saranno sempre di più le emozioni a spingere il consumatore all’acquisto piuttosto che le reali necessità. Il prodotto sarà dato sempre di più per scontato in quanto sempre di più facilmente reperibile.

Siamo bombardati tutti i giorni da pubblicità, immagini, prodotti che mai sazieranno invece la nostra fame di nuovo, la nostra voglia di stupirci, di emozionarci, di restare attratti da qualcosa che non conosciamo.

Creare oggi un’attività basata esclusivamente sulla quantità sarebbe un rischio enorme. Più che mai bisognerà puntare sulla qualità degli ambienti, sulla tecnologia di luci e materiali a ricreare ambientazioni mutevoli e flessibili mixitè di differenti e nuove funzioni.

Se è vero che oggi nelle città, dove molti di noi abitiamo, si vive 24 ore in luoghi dove allo stesso tempo si mangia, ci si ricrea, si lavora, si studia, si dorme, la nuova farmacia non si potrà più presentare più solo come “il posto dove si dispensa il farmaco”, ma dovrà reinventarsi creando luoghi dove incontrarsi, dibattere sui temi della salute in spazi community, fare indagini sulla propria salute ma soprattutto percorrere strade di benessere a misura d’uomo, perchè oggi più che mai abbiamo bisogno di sentirci accolti e rassicurati nella nostra unicità.

Tutto ciò sta avvenendo e con successo trasformando le nostre abitudini. Studi ortopedici, hall di centri di salute, centri benessere, luoghi di ristoro si fondono con la parafarmacia e trovano forza in questa contaminazione, specchio della nostra epoca.

La Consulta: «No alle autoanalisi in parafarmacia». Gullotta (FNPI): «Situazione assurda»

aprile 11th, 2017|Commenti disabilitati su La Consulta: «No alle autoanalisi in parafarmacia». Gullotta (FNPI): «Situazione assurda»

La Consulta: «No alle autoanalisi in parafarmacia». Gullotta (FNPI): «Situazione assurda» Articolo tratto da farmaciavirtuale.it   La Corte Costituzionale ha imposto, con la sentenza numero 66 del 2017, uno stop alla riforma voluta dalla Regione Piemonte [...]

Autoanalisi in parafarmacia, Governo impugna legge Regione Piemonte

luglio 19th, 2016|Commenti disabilitati su Autoanalisi in parafarmacia, Governo impugna legge Regione Piemonte

Verrà impugnata dal Governo per illegittimità costituzionale la legge della Regione Piemonte che autorizza le parafarmacie a erogare servizi di autodiagnostica rapida...

Contattaci adesso

Hai intenzione ottenere il massimo dalla Parafarmacia? Siamo gli esperti del settore

Per l'avviamento o il miglioramento della performance della tua impresa, compila il form online e richiedi la nostra consulenza
Contattaci adesso